RF è da poco riatterrata a Firenze, in seguito a un’interessantissima esperienza di collaborazione con la Cooperativa Integral Catalana, un progetto – e un soggetto – socio-economico che, “tramite l’auto-organizzazione e il lavoro comunitario, si propone di praticare una trasformazione sociale dal basso, ponendosi come strumento per superare l’attuale stato di dipendenza dalle strutture dei sistemi e degli Stati.”

Nei mesi di Agosto, Settembre e Ottobre RF – L’Altra Repubblica ha traslocato a Barcellona  per seguire il lavoro di questa Cooperativa e capirne il funzionamento.

E ha beccato un periodo caldissimo, come tutti voi saprete, per i fatti legati al referendum e all’indipendenza catalana.  (Read more in basso a destra!)


 

Entrambe le esperienze sono state davvero coinvolgenti e appassionanti, e hanno ridato, a chi le ha vissute, una speranza concreta nella possibilità di cambiare lo ‘stato di cose’, tramite la creazione di alternative, e l’allontanamento graduale da quel mondo putrido e vuoto di valori che ‘arranca intorno a noi’.

Una luce in fondo a un tunnel, un tunnel personale di disillusione e sfiducia nel futuro, che adesso sta vedendo un lumicino grazie a tante nuove idee e prospettive che si affacciano all’orizzonte.

Nelle prossime settimane cercherò, per quanto possibile e con le mie limitate capacità giornalistiche e comunicative, di tirare fuori qualche contributo a riguardo delle due esperienze; il tutto in preparazione di un progetto di più ampio raggio, a cui stiamo lavorando con l’idea di proporre nei prossimi mesi/anni nella città di Firenze (e, idealmente, a tutti i territori!).

E per cui queste esperienze – sia quella dell’economia alternativa comunitaria vissuta alla Cooperativa (CIC), sia quella della rivendicazione di decentralizzazione politica e sociale nei territori vissuta nel movimento indipendentista catalano – sono state incredibilmente d’ispirazione, e ci hanno dato la forza e la fiducia per provare a portare avanti questi discorsi nella speranza di svilupparli un giorno nella nostra città!

Nel frattempo vi invito a dare un’occhiata alla versione italiana (e se masticate, anche a quelle castellana e catalana) del sito della CIC per avere un’idea di cosa propone!

https://cooperativa.cat/it/